Se la velocità ci fa perdere tempo

Postato in Libri

Luis Sepúlveda all'Istituto dei Ciechi di Milano.

Luis Sepúlveda "Non importa quanto sei lento se sai dove vuoi arrivare"
Storie di lentezza, lealtà e solidarietà alla presentazione di "Trilogia dell'amicizia", l'ultimo libro dello scrittore cileno.

Leggi tutto

Il coraggio di provarci

Postato in Libri

Andy Holzer, Gioco di equilibrio. Cieco sulla cima del mondo, Keller Editore (pp. 272; euro 16,50)

Copertina libro di Andy HolzerAndy Holzer è cieco dalla nascita, eppure riesce a "vedere" sterminati deserti di ghiaccio, vertiginosi abissi di roccia, vallate selvagge e giogaie d'alta quota, sentieri, valichi, pascoli sotto cieli infiniti. Questi gli scenari dove abitualmente si muove quest'uomo uomo caparbio e entusiasta, che ha fatto dell'alpinismo estremo la principale ragione di vita. Andy non è un atleta come tutti gli altri, perché ha una difficoltà in più: non ci vede e deve affidarsi agli altri sensi per trovare un appiglio in parete o fiutare un appoggio sicuro per i piedi.

Leggi tutto

Libri italiani accessibili

Postato in Libri

Il logo di LiaUn catalogo di 2500 ebook fruibili dalle persone con difficoltà visive

Una buon notizia per i lettori non vedenti: da giugno 2013 è attivo il servizio Libri Italiani Accessibili (LIA), un catalogo di ebook fruibili attraverso le tecnologie assistive utilizzate dai non vedenti. Sul sito www.libriitalianiaccessibili.it sono già presenti 2500 titoli fra quelli in vendita presso le librerie online.

Leggi tutto

Un sommergibile per la libertà

Postato in Libri

Ultima-onda01aperturaMonti Lariani 1944. Un uomo, una ragazza e un bambino si inoltrano nel bosco inseguiti dai soldati tedeschi. Cercano di mettersi in salvo dirigendosi verso il confine svizzero. La loro è una fuga per la vita. Anna è una diciassettenne ebrea milanese di buona famiglia a cui hanno catturato i genitori. Con lei ci sono il fratellino sordocieco Davide che cerca di proteggere e l’amico Sebastiano. Le ombre e i rumori del bosco sono amplificati dalla paura, tanto che sembra di scorgere sempre qualcuno dietro agli alberi. Poi incrociano veramente un pattuglia di soldati tedeschi. Troppo tardi per allontanarsi. Si appiattiscono in una buca, sotto un tappeto di foglie. Anna spiega al bambino come si deve comportare, disegnando sul palmo della sua mano i loro corpi addormentati sotto una coperta. È come se dovessero giocare a nascondino.

Leggi tutto

Questo sito o gli strumenti installati forniti da terze parti si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella pagina di policy & privacy.

Chiudendo questo banner o proseguendo la navigazione si acconsente all'uso di cookie.