La Disability card in arrivo anche in Italia

on . Postato in News

disability card Finalmente arriva anche in Italia la Disability card, un nuovo strumento per migliorare l’inclusione nei Paesi dell’Unione Europea delle persone con disabilità. Si tratta di una tessera unica, valida (per ora) in 8 paesi dell’Unione Europea (Belgio, Cipro, Estonia, Finlandia, Malta, Slovenia, Romania e Italia), che permette l’accesso alle persone con disabilità a una serie di servizi e agevolazioni in materia di trasporti, cultura e tempo libero. La card sarà valida sul territorio nazionale e negli altri Paesi Ue aderenti.

Pochi giorni fa il garante della privacy ha dato il via libera all'attuazione del progetto, che, ricordiamo, nasce dalla Strategia dell’Unione Europea 2010-2020 in materia di disabilità.

«Il via libera del Garante della Privacy conclude un percorso che abbiamo fin da subito voluto intraprendere per portare a compimento una misura da tempo attesa. La Disability card si inserisce in un importante percorso di semplificazione e sburocratizzazione. La carta è infatti uno strumento volto a migliorare la qualità della vita delle persone con disabilità, che consentirà loro l’accesso agevolato a beni, luoghi e servizi» così ha dichiarato il Ministro per le Disabilità Erika Stefani in una nota.

La Disability permetterà dunque di avere agevolazioni quali la priorità vaccinale, l’accesso alle zone a traffico limitato, la sosta gratuita negli stalli blu, sostituendo i documenti cartacei.

Come funziona?

La carta verrà rilasciata dall’Inps a tutti i soggetti in condizione di disabilità, che dovranno farne richiesta direttamente o tramite Associazioni accreditate sul portale telematico dell’Inps. La Disability card avrà valore sia di documento di identità, in quanto fornito di dati e di fototessera, che di documento di riconoscimento dell’invalidità. Tramite un QR code stampato sulla carta gli erogatori dei servizi potranno riconoscere e certificare la condizione di disabilità del titolare tramite una app sullo smartphone, come avviene ad esempio per il greenpass.

La tessera è riprodotta dall’Istituto Poligrafico della Zecca di Stato, anche in codice braille, apponendo nella parte frontale la sigla dello Stato emittente, un ologramma metallizzato riportante la bandiera UE ed avrà una ulteriore indicazione nel caso in cui la persona che l’abbia richiesta sia un soggetto che necessiti di accompagnatore.

In gran parte positive sono state le reazioni dal mondo dell’associazionismo. Il presidente della FISH Vincenzo Falabella esprime soddisfazione «per l’introduzione di questa tessera unica, che permetterà l’accesso alle persone con disabilità a vari servizi, consentendone un importante passo avanti rispetto all’inclusione nella vita sociale della comunità».

Per approfondimenti segnaliamo il sito dedicato al progetto: http://www.disabilitycard.it/it/

Questo sito o gli strumenti installati forniti da terze parti si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella pagina di policy & privacy.

Chiudendo questo banner o proseguendo la navigazione si acconsente all'uso di cookie.