Inclusione allo studio: la Lombardia apre un tavolo con il governo sui disabili sensoriali

Postato in News
Palazzo Lombardia

L'assessore alle politiche sociali della Regione Lombardia Stefano Bolognini interviene a un convegno milanese dedicato al diritto allo studio

«La scuola ha un ruolo fondamentale per promuovere la dignità delle persone con disabilità». Lo dice l'assessore regionale lombardo alle Politiche sociali, abitative e disabilità Stefano Bolognini, nel suo intervento d'apertura al convegno "Studenti con disabilità e Dsa nelle lauree e nei percorsi abilitanti: criticità e prospettive". Il dibattito, in programma per tutta la giornata (6 luglio Ndr) all'Auditorium Testori di Palazzo Lombardia, punta a mettere in evidenza i vari aspetti della tematica legata al diritto allo studio, all'interno del quadro europeo e internazionale.

«Per sue competenze la Regione promuove direttamente l'inclusione negli studi di primo e secondo grado per gli studenti con disabilità, ivi compresi i disabili sensoriali», continua Bolognini, annunciando l'avvio di un'interlocuzione con il ministero competente per affrontare queste tematiche». L'assessore sottolinea che la Lombardia «è impegnata a promuovere, garantire e proteggere il pieno godimento dei diritti umani e delle libertà fondamentali alle persone che hanno disabilità di qualunque tipo, non solo per quello che riguarda il ciclo di studi ma, più in generale, per tutte le esperienze che devono affrontare nella vita, permettendone un pieno inserimento nel mondo del lavoro».

L’incontro è stato organizzato dal CNUDD (Conferenza Nazionale Universitaria dei Delegati per la Disabilità) e dal CALD (Coordinamento degli Atenei Lombardi per la Disabilità), con il patrocinio di Polis Lombardia (Accademia di Formazione per il Servizio Sociosanitario Lombardo), allo scopo di fare appunto un bilancio della situazione su una questione fondamentale per il percorso di vita delle persone con disabilità e con DSA. (Fonte Ag. DIRE)