«Si rimane colpiti da questo luogo»

on . Postato in News

 

Rodolfo Masto e la Ministra Erika StefaniGiovedì 13 maggio, la Ministra per le Disabilità Erika Stefani e l’Assessora della Regione Lombardia Alessandra Locatelli hanno visitato l’Istituto dei Ciechi di Milano, nell’ambito di un ciclo di incontri con diverse realtà che operano nel sociale, organizzato dall’assessorato regionale a Famiglia, Solidarietà sociale, Disabilità e Pari Opportunità.

 

Ad accogliere le due personalità c’erano Rodolfo Masto, presidente della Fondazione Istituto dei Ciechi di Milano, i dirigenti e i dipendenti dell’Ente e alcuni rappresentanti dell’UICI, tra cui il presidente della sezione regionale lombarda Giovanni Battista Flaccadori, Nicola Stilla e, in collegamento web da remoto, il presidente nazionale Mario Barbuto.

La ministra Erica Stefani presso il centro di produzione materiale didatticoMolti i luoghi visitati all’interno della sede di via Vivaio : l’organo di Sala Barozzi, da pochi mesi ritornato a suonare dopo un lungo e complicato intervento di restauro; il centro di progettazione e produzione del materiale didattico, che ha continuato a funzionare durante tutto il periodo della pandemia per distribuire supporti didattici agli studenti con disabilità visiva frequentanti le scuole della Lombardia; il Museo Louis Braille dove si trovano gli strumenti e gli esempi dei metodi di scrittura e lettura utilizzati nel tempo dai non vedenti; l’Archivio storico dove si conservano le carte e i documenti storici dell’Istituto a partire dalla sua Fondazione nel 1840.

L'assessora Alessandra Locatelli con i ragazzi pluridisabili seguiti dall'Istituto La visita si è conclusa nei nuovi locali del Centro Diurno Disabili (CDD), che entrerà in funzione già dal prossimo settembre. «L’apertura di questo nuovo centro va vista come un segno di ripresa dopo le difficoltà vissute a causa della pandemia» ha detto il presidente Masto. «L’Istituto dei Ciechi, nonostante la gravità dei problemi causati dalla crisi sanitaria, ha fatto di tutto per garantire la continuità e la qualità dei servizi rivolti agli utenti disabili visivi».

Ministro Erica Stefani presso l'Archivio storico dell'Istituto«Si rimane colpiti da questo luogo - ha dichiarato la ministra - È incredibile come una struttura così maestosa e carica di storia continui a essere all’avanguardia nell’offrire servizi alle persone con disabilità visiva.» La ministra ha poi sottolineato l’importanza storica dell’occasione offerta dal Recovery plan per le persone disabili: «Sono stati stanziati 6 miliardi di euro tra i vari interventi, che avranno ricadute dirette sul mondo della disabilità. Questo ministero svolgerà un ruolo trasversale, di supervisione, affinché le altre amministrazioni pongano attenzione alle problematiche della disabilità».

Visita ai locali del nuovo Centro Diurno DisabiliL’Assessora regionale Alessandra Locatelli ha ribadito l’attenzione che Regione Lombardia rivolge alla formazione dei bambini con disabilità sensoriale, sottolineando la necessità di proporre occasioni di relazione per i giovani, soprattutto in questo delicato momento. «Puntiamo molto sui centri estivi e per questo la regione ha appena lanciato un bando inclusivo per incentivare le attività con i ragazzi disabili da parte degli enti locali».

Nicola Stilla, Erika Stefani, Alessandra Locatelli e rodolfo Masto presso il Museo Louis BrailleIl Presidente Rodolfo Masto alla fine dell’incontro si è detto molto soddisfatto: «L’iniziativa va nel segno della contaminazione culturale fra le tante realtà, frutto della filantropia, che operano nel sociale e nel mondo della disabilità. La presenza delle istituzioni è un segno di riconoscimento di queste eccellenze, che meritano di essere sostenute per continuare a offrire servizi di qualità».

 Marco Rolando

 

Questo sito o gli strumenti installati forniti da terze parti si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella pagina di policy & privacy.

Chiudendo questo banner o proseguendo la navigazione si acconsente all'uso di cookie.