Un anello che aiuta a leggere

Postato in News
Il prototipo del Finger-reader

L'ausilio è stato ideato dai ricercatori del Media Lab del MIT, Massachusetts Institute of Technology di Boston, uno dei centri di ricerca più prestigiosi del mondo. È composto da una micro camera al cui interno è posizionata una scheda di controllo e un software specifico che permette la lettura di testi scritti di schermate sul video del computer.

Per utilizzarlo non bisogna far altro che indossare l’anello e far scorrere il dito sulla riga di testo, che viene scannerizzato e quindi letto da un sintetizzatore vocale.
Facile a dirsi, ma come si fa a seguire correttamente la riga se non ci si vede? I ricercatori hanno cercato di superare proprio questo problema con un algoritmo che riconosce la posizione del dito e segnala quando esce dalla riga. attraverso un segnale di feedback. Con un po' di pratica, dicono, si riesce a mantenere un movimento lineare sufficientemente preciso per effettuare la lettura. Il sistema di feedback consiste in una vibrazione, che si attiva anche al termine della lettura di una riga o all'inizio di una nuova.

Tre anni di lavoro sono stati necessari per realizzare questo prototipo, che però al momento non sembra in grado di leggere gli schermi touch. I ricercatori del Mit sono al lavoro per superare questo limite, anche perché i dispositivi “smart” si stanno diffondendo sempre di più fra gli utenti con disabilità visiva.
Il dispositivo, realizzato con una stampante 3D, è ancora in fase di sperimentazione.

Fonte: filehippo

Questo sito o gli strumenti installati forniti da terze parti si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella pagina di policy & privacy.

Chiudendo questo banner o proseguendo la navigazione si acconsente all'uso di cookie.