Le auto elettriche devono fare rumore, obbligo da luglio

Postato in News
Auto elettrica

Dal primo luglio le auto elettriche dovranno emettere un rumore per farsi udire dai pedoni ciechi e non

Le auto elettriche devono fare rumore, a stabilirlo è la Commissione Europea che ha reso obbligatorio dal primo luglio 2019 un sistema in grado di riprodurre un suono artificiale continuo. La silenziosità delle auto elettriche infatti può rivelarsi pericolosa per i ciclisti e i pedoni che non le sentono arrivare, ma soprattutto per i pedoni non vedenti. La persona cieca o ipovedente attravera la strada rischia di non sentire l’auto arrivare, con grave pericolo per la sua incolumità.

L'Unione Europea ha recepito in questo modo le istanze provenienti dalle molte associazioni di non vedenti in tuta europa, fra le quali naturalmente l'Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti.

Alcune rilevazioni hanno infatti dimostrato che, mentre un veicolo a motore che corra a una basa velocità (10km/h) è udibile fin da 50 metri, un veicolo elettrico che proceda alla medesima velocità può essere sentito a meno di 5 metri di distanza: davvero troppo pochi.

Per questo motivo, l’Unione Europea ha stabilito che, per poter circolare in Europa,  le auto elettriche dovranno dotarsi di un avvisatore acustico che emetterà un suono progressivamente crescente, così da avvisare i pedoni del loro passaggio. L’obbligo di montare sui veicoli elettrici e ibridi il dispositivo di avviso acustico era stato deciso lo scorso anno ma scatta dal 1 luglio luglio per tutte le nuove macchine messe in vendita, e dal 2021 per quelle già esistenti.

Il sistema di avviso acustico si chiama AVAS Audible Vehicle Alert System, con la riproduzione di un suono di 56 decibel minimi, che si attiverà quando la macchina corre ad una velocità inferiore ai 20 km orari. Il suono emesso non riprodurrà un rumore simile a quello di un veicolo a motore, benzina, diesel o metano (che è di circa 75 decibel), ma sarà una sorta di beep deciso.
Alcune case automobilistiche avevano già dotato le loro macchine di AVAS, che la possibilità di disattivarlo. Con l’entrata in vigore della normativa non sarà più possibile disattivarlo.

Questo sito o gli strumenti installati forniti da terze parti si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella pagina di policy & privacy.

Chiudendo questo banner o proseguendo la navigazione si acconsente all'uso di cookie.