Voto anch’io in Lombardia? Sì, ma non in autonomia

Postato in News

Tablet utilizzato al Referendum per l'autonomia della Lombardia

L'occasione mancata. Si potrà discutere sull'importanza o meno del referendum per l'autonomia lanciato dalla regione Lombardia, ma di fatto era un voto pubblico. Un voto espresso attraverso tablet elettronici. Che, in teoria, avrebbero potuto garantire il voto in "autonomia" anche delle persone cieche.

Così non è stato come denuncia Nicola Stilla, presidente dell'Unione Italiana ciechi e ipovedenti della regione. «Quando abbiamo saputo che per il Referendum si sarebbe potuto votare per via telematica - spiega Stilla - abbiamo verificato se il voto sarebbe stato accessibile anche dalle persone non vedenti. Non lo era così abbiamo fatto presentare una mozione in Consiglio Regionale che impegnasse Regione a rendere accessibile il voto. La mozione è stata approvata all'unanimità».Ma la mozione non basta. «Abbiamo saputo che l'appalto era stato già assegnato e che gli strumenti erano stati già acquistati e non erano accessibili - prosegue il presidente -. Abbiamo protestato, ma purtroppo la risposta è stata negativa in quanto andava rifatta la gara di appalto e non vi erano più i tempi tecnici per rendere esecutiva la mozione del Consiglio Regionale».Tecnicamente il voto poteva essere comunque espresso.

La legge, sembra rispettata nel weekend, permetteva il "voto assistito". «Le persone non vedenti o comunque le persone non in grado di poter votare in maniera autonoma, hanno potuto recarsi al seggio accompagnati da persona di fiducia muniti del certificato elettorale sul quale sia riportata la dicitura "ADV"  preventivamente rilasciato dal Comune di residenza e nulla altro. Per ottenere la dicitura "ADV" bisogna recarsi al proprio Comune di residenza con la documentazione sanitaria e da quel momento si può accedere senza grosse difficoltà al seggio di competenza». Resta il grande rammarico di una grande occasione d'integrazione persa. Si spera solo che serva affinchè non accada in futuro.