70 milioni per garantire lo studio agli alunni con disabilità

Postato in News
Bambino disabile visivo impara ad usare una dattilobraille

Qualche giorno fa la presidenza nazionale dell'UICI aveva inviato una formale richiesta ai ministri del Governo chiedendo come si intendesse impiegare i 70 milioni stanziati con la legge di stabilità 2016 per i servizi per gli alunni con disabilità o situazioni di svantaggio. Arriva ora la notizia che il Governo sta procedendo con il riparto di queste risorse.

Il riparto è stato approvato il 21 luglio 2016 a maggioranza, a favore di regioni a statuto ordinario ed enti territoriali che esercitano le funzioni relative all'assistenza per l'autonomia e la comunicazione personale degli alunni con disabilità fisica o sensoriali e ai servizi di supporto organizzativo del servizio di istruzione per gli alunni con handicap o in situazioni di svantaggio.

La delibera arriva dopo sette mesi d’attesa e ad anno scolastico terminato. Nuovo il criterio di ripartizione, che tiene conto in maniera ponderata sia della spesa storica sostenuta nel periodo 2012-2014 dalle province per queste funzioni (pesa per il 40%) sia del numero degli alunni con disabilità iscritti alle scuole secondarie superiori (criterio che pesa per il 60%) nell’anno scolastico 2014/15, secondo i dati comunicati dal Miur. Il contributo di 30 milioni stanziato in extremis per il 2015, il cui riparto era stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale soltanto a febbraio 2016, era stato ripartito solo in base alla spesa storica.

Il confronto sui criteri di ripartizione è stato accesso, con la regione Campania che espresso contrarietà all’accordo del 40-60% su cui Regioni, Anci e Upi avevano trovato una convergenza.

La Conferenza Unificata si era dovuta concludere formalmente con un “mancata intesa” scritto sotto questo punto, ma comunque la decisione è stata presa a maggioranza.

Il portale Vita.it ha anticipato la bozza del riparto: «in Lombardia arriveranno 13.166.880,61 euro, in Lazio 11.054.010,12 euro, in Campania 7.560.587,98 euro. In tre regioni - Toscana, Emilia Romagna e Umbria - la spesa storica risulta particolarmente contenuta».

Questo sito o gli strumenti installati forniti da terze parti si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella pagina di policy & privacy.

Chiudendo questo banner o proseguendo la navigazione si acconsente all'uso di cookie.