Premiato a Berlino "Blind massage" con protagonisti massaggiatori ciechi

on . Postato in Film

È questo il soggetto di "Blind Massage" film del regista cinese Lou Ye, premiato al Festival di Berlino di gennaio 2014 con l'Orso d'argento per la miglior fotografia.

Scena del Film: la squadra di massaggiatori di Blind MassageBlindMassagePic01

Prodotto in Francia e interpretato da Qin Hao, Guo Xiaodong, Zhang Lei, il film racconta una storia tratta dal romanzo di Bi Feiyu ed è secondo alcuni critici  “un interessante saggio di cinema sensoriale". Per il critico Gabriele Niola di mymovies si tratta di «uno dei migliori film sulla cecità perché scarta subito il tema e cerca l'umanità». In questa storia, dice Niola «c'è qualcosa che supera la prospettiva con la quale solitamente si affrontano simili personaggi al cinema. Nonostante il loro handicap sia costantemente rimarcato e anche nella trama costituisca un punto fondamentale per lo svolgersi degli eventi, lo stesso in ampi tratti si ha l'impressione che pur rendendo giustizia ad una vita non semplice, Blind Massage cerchi anche di superare questo paradigma per arrivare ad escludere la cecità e raccontare direttamente i sentimenti e la vita degli uomini nella Cina contemporanea».

Blind Massage si discosta insomma dall'approccio di molti altri film sui disabili dove questi vengono rappresentati come persone normali. Qui si delineano figure ambigue, non proprio positive e in certi casi biasimevoli, accanto ad altri personaggi più amabili. Il regista sembra essere ben consapevole che non ci può essere storia di ciechi senza una storia in grado di coinvolgere lo spettatore con intrecci e colpi di scena, ponendo l'attenzione sul lato umano e non solo su quello dell'handicap.

La Redazione

Questo sito o gli strumenti installati forniti da terze parti si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella pagina di policy & privacy.

Chiudendo questo banner o proseguendo la navigazione si acconsente all'uso di cookie.