Il lavoro come opportunità di riscatto: l'esperienza del Laboratorio Zirotti

Postato in Educatori
Ciechi al lavoro nel laboratorio Zirotti.

Si deve a Francesco Zirotti, medico oculista che assunse la presidenza dell’Istituto nel 1879, la volontà di costruire un laboratorio per l’istruzione e l’avvio al lavoro dei ciechi poveri di età adulta.

Il laboratorio venne realizzato nel 1884 grazie anche ad una cospicua somma di denaro lasciata dallo stesso Zirotti. L'obiettivo era quello di dare lavoro ai ciechi adulti sia che fossero usciti dall’Istituto sia che non avessero potuto entrarvi per età oltrepassata.

Il Laboratorio Zirotti venne realizzato in via Cernaia con criteri di estrema modernità, distaccandosi dai caratteri tradizionali dei ricoveri per divenire un efficiente laboratorio esterno all’Istituto, o meglio, come sosteneva Luigi Vitali nel discorso d’inaugurazione “una scuola di lavoro, alla quale i ciechi divenuti esterni, potessero convenire, per attendere ad un lavoro corrispondente alla loro attitudine, e che fosse bastantemente retribuito”.

zirottiPic06Nel 1892 il Laboratorio venne spostato in via Vivaio presso la nuova sede dell’Istituto. Nel corso degli anni l’insegnamento del lavoro si arricchì di nuovi specializzazioni e corsi professionali, dalla Scuola di Massaggio alla Scuola di Lavorazione del Tappeto, dal Laboratorio di falegnameria per gli uomini alla Scuola di Maglieria per le donne.

Nel 1924 si chiuse l'esperienza del Laboratorio in via Vivaio che, diventato Fondazione, fu trasferito in via Mirabello nella zona Nord di Milano. 

Per saperne di più

Laboratorio Zirotti

Francesco Zirotti

Questo sito o gli strumenti installati forniti da terze parti si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella pagina di policy & privacy.

Chiudendo questo banner o proseguendo la navigazione si acconsente all'uso di cookie.