Sempre in maglia rosa

 

 

«I sogni non si devono abbandonare mai» di Rodolfo Masto

 

Fausto Coppi guida una tappa in salita al Giro d'Italia del 1952

Leggi tutto

Quasi terminato il restauro dell’organo di Sala Barozzi

 

Un lavoro lungo e complesso ha ridato voce al primo organo da concerto realizzato a Milano

 

La consolle dell'organo in Sala Barozzi

Leggi tutto

180 anni fa nasceva l'Istituto dei Ciechi

 

La storia del nostro Ente nel periodo che va dai primi del Novecento fino al Secondo Dopoguerra

 

I danni all'edificio dell'Istituto provocati dai bombardamenti del 43

Leggi tutto

Bibliografia

on . Postato in Allegorie

Progetto: “Alla riscoperta delle allegorie dei benefattori dell’Istituto”.

Fonti archivistiche

ASICMi (Archivio storico Istituto dei Ciechi di Milano) Istituzione, Presidenza, Corrispondenza b. 1, fascc. 1-3 (Barozzi)

ASICMi, Amministrazione, Personale, Direttori b. 1, fascc. 1-7 (Barozzi)

ASICMi, Assistenza e istruzione (ex Beneficenza), Rettori, b. 1, fasc. 1 (Barozzi)

ASICMi, Benefattori, Benefattori, b. 35, fasc. 448 (De Felber)

ASICMi, Benefattori, Benefattori, b. 61, fasc. 765 (Merzagora)

ASICMi, Benefattori, Benefattori, b. 81, fasc. 1020 (Scotti Perego)

ASICMi, Benefattori, Benefattori, b. 83, fasc. 1044 (Sobacchi)

ASICMi, Benefattori, Benefattori, b. 52, fasc. 636 (Gugelloni)

ASICMi, Benefattori, Benefattori, b. 27, fasc. 370 (De Maestri Colleoni)

ASICMi, Benefattori, Benefattori, b. 76, fasc. 950 (Ratti)

ASICMi, Benefattori, Benefattori, b. 91, fasc. 1132 (Ridella Vecchiotti)

ASICMi, Benefattori, Benefattori, b. 51, fasc. 613 (Gialdi)

ASICMi, Amministrazione, Personale, Consulenti e collaboratori, b. 1, fasc. 5 (Pittori)

AOM (Archivio storico Ospedale Maggiore), Origine e dotazione, Eredità e legati, Testatori, b. 185, fasc. 1 (Scotti Perego)

ASMI (Archivio di Stato di Milano), Atti dei notai, Atti, c. 50641 (Notaio Tommaso Grossi)

Bibliografia

Catalogo dell’Esposizione di Belle Arti nell’I.R. Palazzo di Brera, Milano, 1843

Alberto Zoncada, Cristoforo Colombo alla scoperta del Nuovo Mondo in “Cosmorama Pittorico”, n.25 / Anno Decimo, 22 giugno 1844

Achille Giussani, Alberico de Felber ed i Processi del Ventuno, in Ad Alessandro Luzio gli Archivi di Stato Italiani - Miscellanea di Studi Storici, Firenze, s.d.

Virgilio Colombo, I ritratti dei benefattori dell’Istituto dei Ciechi di Milano- Cenni del professor Colombo, Milano, 1901

L’Istituto dei Ciechi di Milano nel novantesimo dalla fondazione 1840-1930, Milano, 1930

Istituto dei Ciechi di Milano 1840-1940, Milano 1940

Nino Pivetta [a cura di], Istituto dei Ciechi di Milano - 120° della fondazione, Milano, 1960

Franco Della Peruta e Fernando Mazzotta [a cura di], Milano dalla Restaurazione alle Cinque Giornate “Oh giornate del nostro riscatto, Catalogo della mostra, Milano, Skira Editore, 1998

M. Bascapè, M. Canella, S. Rebora [a cura di], Luce su Luce – l’impegno della solidarietà dalla carità alla scienza, Milano, 2003

Carlo Capra, Eugenia Bianchi, Maria Canella, Stefano Levati, Alessandro Morandotti, Elena Puccinelli, Aurora Scotti Tosini e Nanda Torcellan [a cura di], Il laboratorio della modernità. Milano tra austriaci e francesi,

Catalogo della mostra (Milano, Musei di Porta Romana, 12 marzo -25 maggio 2003), Skira Editore, Milano, 2003

S. Rebora, Daniele Cassinelli [a cura di], I benefattori dell’Ospedale Maggiore di Milano. Storia, arte, memoria, Silvana Editoriale, Cinisello Balsamo, 2009

Cecilia De Carli, Grazia Massone, Laura Polo D'Ambrosio [a cura di], La vita condivisa. I gesti della famiglia nelle immagini dell’arte, Catalogo della mostra (Milano, Galleria del Credito Valtellinese - Palazzo Stelline, 15 maggio-1 luglio 2012), Silvana Editoriale, 2012

Le opere

on . Postato in Allegorie

Percorso tematico dedicato ai dipinti allegorici finanziato dalla Regione Lombardia nell'ambito dell'Anno della Cultura 2017/2018

002 Barozzi restauroPic 009 de felberPic 004 MerzagoraPic 007 Ratti chiusoPic
Allegoria della fondazione

Allegoria in memoria
di Alberico de Felber
Allegoria in memoria
di Pietro Merzagora
Allegoria in memoria
di Antonio Ratti



005 GialdiPic 008 ColleoniPic 010 scottiPic 012 guggelloniPic
Allegoria in memoria
di Spiridione Gialdi
Allegoria in memoria
di Francesca Colleoni
Allegoria in memoria
di Angelina Scotti Perego
Allegoria in memoria 
di Giuseppina Guggelloni



011 sobacchiPic 013 vecchiotti ridellaPic
Allegoria in memoria
di Angelina Sobacchi
Sommaruga
Allegoria in memoria
di Vecchiotti Ridella

Allegoria in memoria di Antonio Ratti

on . Postato in Allegorie

Antonio Ratti, figlio di Francesco Ratti e di Rosa Maria Sironi, muore celibe all’età di ottantuno anni il 24 aprile 1878, due mesi dopo aver stilato le proprie disposizioni testamentarie, pubblicate negli atti del notaio Luigi Marinoni. Nel testamento Antonio Ratti, assecondando le intenzioni del fratello Gioachino e della sorella Caterina, defunti rispettivamente nel 1863 e nel 1870, nomina erede universale l’Istituto dei Ciechi, che entra in possesso di un asse netto di quasi ottantatremila lire, con alcuni piccoli legati da soddisfare.

L’eredità comprende la casa di Corso Porta Vittoria 38 a Milano, acquistata dal padre del benefattore nel 1835 contenente effetti preziosi, mobili, suppellettili, lingerie, libri ed alcuni buoni dipinti di pregio tra cui “un quadro dipinto ad olio sopra tela rappresentante S. Antonio” identificabile nell’opera dallo stesso soggetto ancora oggi conservata presso la quadreria dell’Istituto, nonché la sua bottega da falegname.

Il 5 maggio 1883 il rettore dell’Istituto, don Luigi Vitali, segnala al Consiglio il pittore Enrico Bartezago (Milano, 1849-1937), raccomandato dall’amico don Enrico Orsenigo. Il dipinto, viene realizzato in un breve arco di tempo “con concetto allegorico, non essendosi potuto rinvenire alcun ritratto dell’estinto”. Nel quadro la beneficienza è simbolicamente ritratta in una bella e pietosa figura di donna che avvicina un bimbo cieco ad una lapide in cui è scolpito il nome di Antonio Ratti. Il pittore sembra si sia ispirato per il piccolo cieco ad un bimbo di nome Molinari di Luino che morì a 14 anni per una polmonite.

Allegoria in memoria di Antonio Ratti Anonimo ambito lombardo, Sant'Antonio da Padova con Gesù Bambino, olio su tela, seconda metà del secolo XVII
Enrico Bartezago
Allegoria in memoria
di Antonio Ratti
Olio su tela, 1883
Anonimo ambito lombardo, Sant'Antonio da Padova con Gesù Bambino
Olio su tela
Seconda metà del secolo XVII

Allegoria in memoria di Francesca Colleoni

on . Postato in Allegorie

Francesca De Maestri, figlia del nobile Antonio e vedova del conte Federico Colleoni, scompare in Milano il 9 aprile 1908. Con suo testamento segreto del 23 marzo 1907 (pubblicato negli atti del notaio milanese Enrico Bosisio l’11 aprile 1908) nomina erede universale la sorella già benefattrice dell’Istituto insignita della benemerenza, donna Paolina De Maestri Baragiola Belinzoni, lasciando all’Istituto dei Ciechi un legato di lire 20.000.

L’Istituto deciderà di destinare la somma per l’ampliamento dei refettori dell’Asilo Mondolfo, ente che ospitava i giovani ciechi usciti dai corsi elementari privi di assistenza e di occupazione. In vita, la benefattrice fu donna assai impegnata nelle opere caritative a beneficio della comunità. In Castano Primo si attivò nel 1902 per erigere un ospedale destinato ai malati meno abbienti che divenne alla sua morte “l’Opera Pia Francesca Colleoni De Maestri” (ente morale R. D. 17 marzo 1910).

L’allegoria pittorica in memoria della benefattrice, che raffigura “una signora che leva le spine alla esistenza d’un bambino cieco”, viene realizzata nel 1909 dal pittore Arturo Albertazzi (Novara, 1881 – Ghiffa, 1917) per la somma di lire 350.

Sepolta vicino al marito presso il cimitero Monumentale di Milano, l’iscrizione sulla lapide ricorda la sua “lunga vita spesa per opere di Fede e Carità”.

Arturo Albertazzi, Allegoria in memoria di Francesca De Maestri Colleoni, olio su tela, 1909
Arturo Albertazzi
Allegoria in memoria di Francesca De Maestri Colleoni
Olio su tela, 1909

Altre risorse

Foto dell'Ospedale de Maestri Colleoni: scheda catalogo Sirbec

Allegoria in memoria di Giuseppina Guggelloni

on . Postato in Allegorie

Giuseppina Gugelloni, nata in Casalpusterlengo il 3 settembre 1875 da Aurelio e da Angelina Cesaris, muore il 29 maggio 1954 presso la Clinica “La Quiete” di Varese all’età di settantanove anni, dove era ricoverata.

Nubile, con il suo testamento stilato il 9 agosto 1949, pubblicato negli atti del notaio Paolo Cozzi di Besozzo, nomina eredi universali del proprio patrimonio - ammontante a oltre diciassette milioni tra risparmi, titoli, obbligazioni , azioni -  l’Istituto dei Ciechi e la Piccola Opera per la Salvezza del Fanciullo di via Boscovich 15, riservando al nipote Franco Ricordi la rendita vitalizia di 60.000 lire annuali e alla sorella Carla, moglie di Emanuele Ricordi i suoi effetti personali gioielli, libri, mobilia e lo spoglio personale. La benefattrice chiese “funerali modestissimi e nessun annuncio sui giornali” e oggi riposa presso il cimitero di Belforte di Varese.

Il dipinto commissionato il 25 agosto 1956 a Giuseppe Valerio Egger (San Gallo, 1896 – Appiano Gentile, 1988), entra nella quadreria dell’Istituto il 25 febbraio 1957. In tale occasione il pittore fa dono del bozzetto al segretario dell’Istituto Giuseppe Andreoli, ma nonostante tra le carte testamentarie si conservi tuttora la carta d’identità della benefattrice, l’artista decide di sostituirne la tradizionale effigie gratulatoria con una composizione allegorica dal titolo “Gesù che guarisce il cieco”.

Allegoria in memoria di Guggelloni
Giuseppe Valerio Egger
Allegoria in memoria di Giuseppina Guggelloni
Olio su tela, 1957

Allegoria in memoria di Vecchiotti Ridella

on . Postato in Allegorie

Dolores Vecchiotti, figlia di Giuseppe Vecchiotti e sposa di Antonio Ridella, titolare della cattedra di Ostetricia e Ginecologia presso l’Università di Pavia, si dedica per molti anni all’insegnamento.
Scompare in Genova Quinto il 15 maggio 1956 quasi completamente cieca. Con il testamento olografo del 31 maggio 1955, pubblicato negli atti del notaio Mario Boggiano, nomina proprio erede il marito riservando all’Istituto dei Ciechi di Milano il deposito di tre milioni di lire vincolate al Credito Italiano con l’interesse del cinque per cento. Dispone inoltre che una sostanziosa rendita sia corrisposta alla giovane non vedente Rosetta Mariani, impiegata presso la Biblioteca per Ciechi Regina Margherita di Monza.

Il 9 novembre 1956 l’incarico del ritratto viene assegnato al pittore Umberto Lilloni (Milano, 1898-1980), a cui Antonio Ridella invia alcune fotografie della moglie. L’anno successivo, in occasione di una visita presso lo studio di Lilloni, Antonio Ridella constata che il bozzetto del ritratto predisposto dal pittore non risulta soddisfacente, e decide allora di affidare l’esecuzione ad un suo nipote artista Giansisto Gasparini (Casteggio, Pavia 1924).

Il Lilloni, che evidentemente aveva già realizzato il dipinto in parallelo al bozzetto, lo presenta ultimato all’Istituto dei Ciechi, nonostante il rifiuto del Ridella.
Il quadro comunque entra a far parte della quadreria dei benefattori assieme al ritratto allegorico del nipote Gasparini che si ispira alla professione della Vecchiotti illustrando una figura femminile nell’atto di leggere il “Corriere dei Piccoli” a un bambino in abiti estivi. Del Lilloni si conserva inoltre nelle carte d’Archivio lo schizzo preparatorio della benefattrice.

Giansisto Gasparini, Allegoria in memoria di Dolores Vecchiotti Ridella, olio su tela, 1957 Umberto Lilloni, Schizzo della benefattrice, carboncino su carta, 1956-1957 Umberto Lilloni, Ritratto di Dolores Vecchiotti Ridella, olio su tela, 1957
Giansisto Gasparini
Allegoria in memoria di Dolores Vecchiotti Ridella
Olio su tela, 1957
         Umberto Lilloni, Schizzo della benefattrice
         carboncino su carta, 1956-1957
Umberto Lilloni, Ritratto di Dolores Vecchiotti Ridella, olio su tela, 1957

Allegoria in memoria di Spiridione Gialdi

on . Postato in Allegorie

Spiridione Gialdi, originario di Sabbioneta, proprietario terriero di diversi beni nella provincia di Mantova, morì in Parma dove era domiciliato da pochi anni, il 23 ottobre 1880. Nel testamento olografo del 30 marzo 1878, pubblicato negli atti del notaio Dante Volpi, nomina propria erede “la giovane” Anna Pellegrini, riservando uno dei suoi fondi agricoli al figlioccio di battesimo, l’avvocato Giuseppe Viviani di Milano, a patto che quest’ultimo sia disposto ad aggiungere al proprio cognome quello del benefattore defunto, e al pronipote Giulio Solazzi, la sua residenza.

Spiridione destina inoltre beni stabili e agricoli situati in Sabbioneta, “ad eccezione del fondo Zampadoca e di una casa”, del valore di lire 43.730 a pari quota, alle due istituzioni milanesi, l’Istituto dei Ciechi e il Pio Istituto dei Sordomuti poveri di campagna.  Di comune accordo gli enti alienano queste proprietà alla Provincia di Mantova che destina il loro uso alla Caserma dei Carabinieri.

Non avendo possibilità di reperire una immagine del benefattore, il Consiglio d’Amministrazione commissiona un dipinto allegorico in sua memoria al pittore paesaggista Giovan Battista Lelli (Milano, 1827-1887), che lo consegna ultimato il 15 marzo 1883. Nel quadro compare “un pezzo di campagna del Cremonese donde il Gialdi era originario col fiume Oglio e Sabbioneta sullo sfondo. A destra corre un viale fiancheggiato da alti alberi. In una lapide leggesi il nome del benefattore”.

Giovanni Battista Lelli, Allegoria in memoria di Spiridione Gialdi
Giovanni Battista Lelli
Allegoria in memoria
di Spiridione Gialdi
Olio su tela, 1885

Allegoria in memoria di Angelina Scotti Perego

on . Postato in Allegorie

Angelina Scotti nata in Paderno Dugnano nel 1870, vedova dell’industriale tessile Achille Perego, scompare in Milano il 19 aprile 1941, lasciando numerosissimi lasciti attraverso il suo testamento olografo redatto il 21 gennaio 1937 e pubblicato il 21 aprile 1941 dal notaio Antonio Colombi, nel quale la benefattrice stessa chiarisce la motivazione dei suoi intenti: «La mia mente è rivolta alla memoria del mio caro defunto Achille perciò seguo i suoi desideri che mi aveva espresso durante la sua esistenza».

Erede universale risulta l’Ospedale Maggiore di Milano con l’obbligo di intestare un padiglione del nuovo Ospedale agli stessi coniugi, mentre all’Istituto dei Ciechi, all’Istituto dei Rachitici, dell’Istituto del Cancro Vittorio Emanuele III e all’Ospizio della Sacra Famiglia per gli Incurabili di Cesano Boscone destina a ciascuno un legato di centomila lire. La benefattrice ricorda anche la Galleria d’Arte Moderna di Milano destinando i dipinti ad olio del pittore Angelo Dall’Oca Bianca di sua proprietà.

Nonostante il 1° maggio 1941 l’Amministrazione dell’Istituto faccia richiesta al notaio Antonio Colombi di una fotografia di Angelina Scotti Perego per realizzare il tradizionale ritratto gratulatorio, il pittore Augusto Colombo (Milano, 1902-1969), incaricato della sua esecuzione, decide di eseguire un ricordo allegorico della benefattrice, scegliendo come soggetto “Cristo che guarisce il fanciullo cieco”. Evidentemente gli eventi bellici hanno interrotto il lavoro del pittore, che verrà ultimato soltanto nel febbraio 1947.

010 scottiPic
Augusto Colombo
Allegoria in memoria
di Angelina Scotti Perego
Olio su tela, 1947

Altre risorse

Ritratto di Angelina Perego Scotti e Achille Perego: scheda Sirbec
Dipinto "Uscita dalla chiesa" di Angelo Bianca Dell'Oca dal legato di Angelina Scotti Perego: scheda Sirbec
Dipinto "Prime Luci" di Angelo Bianca Dell'Oca; scheda Sirbec

Allegoria in memoria di Angelina Sobacchi Sommaruga

on . Postato in Allegorie

Angela Sobacchi, figlia di Luigi Sobacchi e di Rosa Corradi, nasce in Santo Stefano Lodigiano nel 1872. Vedova di Pasquale Isidoro Sommaruga fu Battista, muore il 10 agosto 1951 nella sua casa milanese di via Piero della Francesca all’età di settantanove anni.

Con il testamento olografo del 22 luglio 1941, pubblicato negli atti del notaio Domenico Moretti il 25 ottobre 1951, lascia le case di via Piero della Francesca 74 all’Ospedale dei Bambini a metà con la persona che l’ha assistita Pilla Cea e, quella di via Procaccini 21, in due porzioni equivalenti all’Istituto dei Ciechi e al pronipote Gianfranco Camozzi. Altre somme le destina alla domestica e all’amica Maria Camerani e “ai poveri della parrocchia di Santo Stefano al Corno”.

L’Istituto vende la propria quota dello stabile ereditato nel 1955 ricavando la somma di venticinque milioni di lire. Dal momento che della benefattrice non viene rintracciata alcuna immagine, l’Amministrazione decide di dedicare alla sua memoria un dipinto allegorico dal tema “Il cieco che lavora”. Incaricato dal Presidente Virginio Pozzi della esecuzione il 17 febbraio 1959, il pittore Orfelio Cesari (Pavia, 1912 -  Milano, 2008) consegna l’opera ultimata il 2 febbraio del 1960.

Il pittore sperimenta una rappresentazione simbolica incentrata su due diagonali dove l’Istituto dei Ciechi compare al centro, affiancato da due sezioni del volto umano sopra a cui si eleva una fila di tre occhi chiusi illuminati da una colomba appena accennata.

 

Allegoria in memoria di Angelina Sobacchi Sommaruga
Orfelio Cesari
Allegoria in memoria di Angelina Sobacchi Sommaruga
Olio su tela, 1959

Questo sito o gli strumenti installati forniti da terze parti si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella pagina di policy & privacy.

Chiudendo questo banner o proseguendo la navigazione si acconsente all'uso di cookie.